Come combattere la fame nel mondo con insetti e microalghe

Al Chimali, il X Congresso di chimica alimentare in svolgimento all’università di Firenze, sono stati presentati diversi progetti per contrastare la scarsità di risorse alimentari nel mondo.

“Si possono mangiare insetti, sono una fonte di proteine ma soprattutto di grassi”, spiega il professore Vincenzo Fogliano dell’università olandese di Wageningen.

A lui fa eco Mario Tredici, docente dell’ateneo fiorentino, che ha presentato una ricerca dedicata all’uso alimentare delle microalghe marine: “Verrebbero coltivate in zone desertiche, e quindi non entrando quindi in competizione con la produzione di cibo tradizionale”

A seguire l’interessante servizio video con le interviste dei due studiosi sugli argomenti trattati:

Fonte: Repubblica.TV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.