Monza-Brianza: invasione di topi nel condominio Residenti esasperati a Brugherio

Topi, topi e ancora topi. Non ne possono più i residenti del civico 37 di via Santa Clotilde. I piccoli roditori arrivano a frotte dai campi, i prodotti topicidi non servono a nulla e gli organi competenti pare se ne infischino.
Eppure la causa dell’invasione è nota: quintali di sacchi di riso, mais e altri mangimi giacciono da anni nel box di un’abitazione vuota. E i topolini ci vanno a nozze.
Il condominio comprende sei abitazioni che si affacciano insieme ai box sul cortile. Erba, ombra, un salottino, ma nessuno si azzarda più a rilassarsi in mezzo al verde: la certezza è quella di assistere alle scorrerie dei roditori che arrivano dalla siepe, percorrono il muro e si infilano nel box-granaio attraverso una fessura tra il muro e il telaio della serranda.

«A furia di strisciare sull’intonaco hanno lasciato il segno nero del loro tragitto – fanno notare il condomino Claudio Agrati e Bruno Sirtori, figlio di una coppia anziana che abita nel caseggiato – La situazione è nota all’Asl e al Comune, ma nessuno ha fatto nulla e noi legalmente non possiamo aprire il box e rimuovere quel mangime. Non sappiamo più cosa fare».

L’abitazione in questione, intestata a un egiziano irreperibile, è stata pignorata insieme al box e verrà messa all’asta. Il curatore giudiziario ha aperto la serratura e controllato l’interno ma poi non ha preso alcun provvedimento, evidentemente intenzionato a lasciare al compratore l’onere della bonifica. Nel frattempo i roditori vanno e vengono, abbuffandosi di riso, disseminando i loro escrementi e rosicchiando anche le copie del Corano trovate tra i sacchi. Tutto tranne le esche topicide, considerato che ci sono bocconi più appetibili in abbondanza. Dal garage arriva un odore disgustoso.

«La polizia locale ha compiuto due sopralluoghi a febbraio e marzo – spiegano i condomini – senza però fare altro. L’Asl è arrivata il 21 marzo e la relazione tecnica ha intimato al Comune di intervenire nel giro di una settimana». Il testo parla di «inconveniente igienico sanitario reale» e raccomanda al Comune di ordinare al proprietario una bonifica immediata. Ma niente si è mosso. Le foto che mostrano i condomini hanno del grottesco: a febbraio, un topo particolarmente ingordo ha mangiato troppo restando poi incastrato a metà della fessura usata per entrare. La temperatura è scesa sotto lo zero e il roditore è congelato. Metà fuori e metà dentro, come in un film horror che pare abbia strappato qualche brivido anche agli agenti della Locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.