Sanita’ da Oms e Cdc linee guida su Chikungunya

Zanzare che veicolano malattia sempre piu’ diffuse in Americhe. L’Organizzazione mondiale della sanita’, insieme ai Centers for Disease Control and Prevention americani, ha pubblicato le nuove linee guida sulla Chikungunya, malattia veicolata da zanzare infette (la Aedes aegypti e Aedes albopictus, che possono trasmettere anche dengue e febbre gialla), che ha fatto la sua comparsa in Italia nel 2007, e ora e’ sempre piu’ diffusa nelle Americhe per via dei viaggi.

Le linee guida per la preparazione e la risposta all’intrudizione del virus della Chikungunya, che causa forte febbre e dolori articolari, vogliono aiutare i Paesi americani a migliorare la loro capacita’ di rilevazione del virus e di monitoraggio, prevenzione e controllo della malattia. Centinaia di persone che hanno viaggiato dalle Americhe all’Asia e Africa negli ultimi 5 anni sono stati infettati dal virus. Nonostante il virus non si sia ancora diffuso localmente nell’emisfero occidentale, secondo gli esperti c’e’ il rischio dell’introduzione del virus nella popolazione delle zanzare locali. Cosa che potrebbe accadere, ad esempio, se le zanzare degli Usa o altri Stati americani fossero infettate dal virus e iniziassero a diffonderlo nella gente di quell’area. Tra il 2006 e 2010, sono stati 106 i casi confermati della malattia, trovata nei viaggiatori di ritorno negli Usa. Tra il 1995 e il 2005 erano stati solo 3. Dal 2004, la chikungunya ha causato forti epidemie in Asia e Africa, infettando oltre 2 milioni di persone, con tassi di attacco superiori al 68% in alcune aree. Con i viaggi, il virus ha fatto la sua comparsa anche in aree nuove, come l’Italia e la Francia meridionale.
”Le linee guida – spiega l’Oms – forniscono le informazioni necessarie per sviluppare un piano regionale per la rilevazione rapida del virus. Solo con risposte forti e coordinate possiamo evitare la trasmissione locale”.(ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.