L’ingegneria genetica studia la mutazione delle zanzare per combattere le epidemie

Gli squali uccidono circa 10 persone l’anno, i leoni 100, i coccodrilli un migliaio. Ma per piccola che sia, è la zanzara (mosquito in inglese) a detenere il record: secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) il piccolo insetto, la cui famiglia (Culicidae ) conta oltre 3.500 specie ed è diffusa in tutto il mondo, fa qualcosa come 725 mila morti l’anno. Più di quanti ne facciano gli esseri umani stessi, 475 mila (guerre escluse).

Questo perché alcune specie di zanzare sono il vettore di malattie gravi, o mortali, come la malaria (600 mila vittime ogni anno), la febbre gialla, la dengue (malattia infettiva tropicale) e l’encefalite.

Uno degli strumenti per combattere l’involontario killer è l’ingegneria genetica, che in pochi anni ha permesso di ottenere importanti risultati. Un esempio recente è quello della società britannica Oxitec, strettamente legata al gigante agrochimico Syngenta, che ha di recente sviluppato una linea di zanzare maschio Aedes aegypti modificate geneticamente per contrastare la diffusione della dengue.

Queste zanzare gm hanno un gene aggiunto che scatena la produzione di una proteina che si accumula nell’organismo fino a essere tossica. Durante l’allevamento, lo sviluppo della tossina è bloccato dalla somministrazione di un antibiotico, la tetraciclina, senza il quale gli insetti non sopravvivono (e alimenta la discussione sugli usi e abusi degli antibiotici).

Gli esemplari adulti e sessualmente maturi vengono poi disseminati in grandi quantità sopra a zone circoscritte per fecondare le femmine non geneticamente modificate e in breve tempo, in mancanza di tetraciclina, maschi e larve che hanno ereditato il gene modificato muoiono uccise dalla tossina. Il punto debole del sistema è l’incertezza della trasmissione del gene, ma i risultati della sperimentazione di cinque anni fa nelle Cayman sono stati soddisfacenti e adesso Panama e Brasile (quest’ultimo con 1,4 milioni di casi di dengue nel 2013) stanno per fare ricorso a questo “prodotto” della Oxitec.

[…]

Continua a leggere l’articolo su Focus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.