Peperoncino ‘giapponese’ per scacciare i piccioni

La guerra ai piccioni arriva direttamente dal Giappone e sbarca a Bari. Da ieri nell’androne di Palazzo di Città è entrato in funzione un sistema naturale e a prova di guano. Con una sostanza gelatinosa, simile al silicone, e imbottita di menta e peperoncino, i volatili non metteranno più piede sui cornicioni e sui balconi della sede del Comune. La tecnica, detta “disabituante”, è già sperimentata con successo dalle imprese che producono grano e negli uffici comunali non si esclude di estenderla a tutti i monumenti della città a rischio imbrattamento da escrementi. Il costo è di 35 euro al metro lineare. La sostanza viene fissata in piccole ciotole e ha una resistenza di circa 2 anni a tutti gli agenti atmosferici. Nei mesi scorsi l’Amiu aveva invece proposto l’acquisto di due falchi per scacciare i piccioni.

Fonte

Savona: decine di piccioni morti di fame e sete nella rete della ferrovia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.