Termoli. Invasione di topi dai tombini e strade sporche

Doppia emergenza nel centro storico dove la mattina di martedì 4 settembre si è aperta con la caccia al ratto, spuntato dalle fogne.

«Chiediamo che il Comune copra i tombini con delle grate, non si può andare avanti così». Non da meno i disagi per l’immondizia: «Ora c’è un altro operatore ecologico che passa, e non pulisce la strada e spesso non ritira neanche l’umido. Vogliamo che torni la dipendente che c’era prima, lei era molto più attenta, portava via anche le cartacce e le bottiglie lasciate dai passanti, che ora invece sono abbandonate da giorni nelle viuzze».
Tra topi e spazzatura: è doppia emergenza nelle viuzze del Borgo antico. Il cuore storico della città combatte con il problema della sporcizia.

Da un lato i ratti che puntualmente fanno la loro comparsa, uscendo dai tombini delle fogne. Oggi martedì 4 settembre l’ultima spiacevole sorpresa per i residenti. Una turista proprietaria di una casa nel quartiere più bello della città che stava camminando nei pressi di via Federico II di Svevia si è trovata di fronte il topo che stato poi catturato con l’aiuto di altri vicini di casa.
«Per me è il terzo in venti giorni – sbotta la donna – non è possibile andare avanti così, tra l’altro nel centro della città, meta delle visite dei turisti». La pensionata fa presente di aver avvertito il servizio igiene dell’Asrem: «Mi hanno detto che più che distribuire lungo le strade le bustine di veleno, trappola per i ratti, non possono fare». Le famiglie che abitano di correre ai ripari posizionando delle grate sui tombini: «Abbiamo il terrore di imbatterci in qualche ratto, viviamo con la porta chiusa».

Non da meno i disagi per la sporcizia: «Ultimamente è cambiato l’operatore che passa qui per ritirare i rifiuti, e non è più la stessa cosa. Prima le strade erano tenute pulite da una dipendente della Teramo Ambiente che si impegnava molto, anche se doveva occuparsi solo di svuotare i cassonetti del porta a porta, rimuoveva cartacce e bottiglie, ora invece, da quando ha cambiato zona ed è subentrato un altro operatore, qui è sempre sporco», spiega un’altra abitante indicando con la mano un piatto di plastica abbandonato in un angolo di vico San Pietro e una bottiglia che è lì da giorni.
«Volevamo raccogliere delle firme, perché vogliamo che torni l’operatrice di prima, il Borgo dovrebbe essere pulito come uno specchio. Tra l’altro spesso e volentieri non viene ritirato nemmeno l’umido, il bidoncino che esponiamo davanti alla porta rimane pieno di immondizia dopo il passaggio del mezzo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.